Osservatorio Ambientale Nodo AV Firenze

Subsidenze e testimoniali di stato

Il Protocollo d’Intesa siglato da TAV (oggi RFI) e Comune di Firenze il 3 marzo 1999 relativamente al tema espropri e indennizzi prevede che “per i fabbricati di civile abitazione non soggetti ad esproprio, situati nella fascia di territorio sovrastante la galleria e già individuati e censiti nel progetto definitivo depositato, verranno redatti appositi testimoniali di stato [...] con congruo anticipo rispetto al passaggio dei fronti di scavo”.

Con parere emesso dall’OA il 05/02/2010 il Testimoniale di stato è esteso a tutti gli edifici ricadenti, in tutto o in parte, all’interno della fascia di potenziale subsidenza, ed a quelli per i quali viene accertata la continuità strutturale con quelli precedenti.

Il Testimoniale di stato è volto a produrre una certificazione dello stato dei luoghi “ante operam” ovvero prima dell’inizio dei lavori di scavo della galleria e di realizzazione della nuova Stazione AV. I Testimoniali di stato per gli edifici situati nella fascia di subsidenza sono a carico dell’esecutore dell’opera; è comunque data la possibilità ai privati di avvalersi di un proprio tecnico di fiducia durante la redazione del Testimoniale di stato da parte dell’esecutore dell’opera. In tale circostanza il proprietario avrà diritto al rimborso di una somma forfettaria ed onnicomprensiva pari ad € 258,00.